Malformazioni del piede


Piede piatto, piede cavo, piede valgo, piede equino, piede torto...

Cos'è

Piede piatto. Anomalia del piede che consiste nell'appiattimento della concavità, normalmente presente, della porzione intermedia della pianta del piede. Di solito si associa a una deviazione del tallone verso l'esterno. Le cause possono essere diverse: anomalie delle ossa del piede presenti sin dalla nascita; insufficienza dei muscoli che permettono i movimenti del piede, la quale può essere dovuta, tra l'altro, a eccessiva sollecitazione nei casi di particolari professioni (piede piatto professionale); anomalie dei legamenti del piede durante l'accrescimento corporeo (piede piatto dell'adolescenza); fratture mal consolidate; infezioni; paralisi o neoplasie localizzate ai piedi. L'anomalia, specie se si verifica in età giovanile, deve essere curata tempestivamente, perché conduce precocemente a fenomeni artrosici del piede (progressiva alterazione e degenerazione delle ossa del piede).

Piede cavo. Malformazione congenita o acquisita della volta della pianta del piede, dovuta a un alterato equilibrio funzionale dei muscoli del piede e della gamba. Si presenta con una piegatura dell'avampiede verso l'avanti e con l'incurvamento della volta perché le ossa del metatarso si trovano in posizione verticale rispetto al calcagno. Quando è congenito, generalmente si manifesta verso gli otto anni e può essere corretto con un plantare. Può però essere conseguenza di una malattia neurologica come la poliomielite, la distrofia muscolare o una spina bifida.

Piede valgo. Anomalia di atteggiamento del piede per cui il tallone è deviato verso l'esterno; apparentemente  ha l’aspetto di un piede piatto, per la marcata valgizzazione del calcagno, mentre all’esame podoscopico mostra una impronta tipica del piede cavo. Sulla base dell’impronta rilevabile al podoscopio se ne possono definire tre gradi, dal I al III grado, considerando il terzo grado la forma più grave.
Piede varo (o supinato). Anomalia di atteggiamento del piede per cui questo è ruotato verso l'interno, così che il soggetto, camminando, è costretto ad appoggiare il piede sul margine esterno della pianta.

Piede equino. Anomalia congenita o acquisita, caratterizzata dalla flessione del piede verso il basso, cioè tendente a disporsi sullo stesso asse della gamba a causa della contrattura involontaria della muscolatura. Questa malformazione fa sì che, camminando, il soggetto possa appoggiare sul terreno solo la punta del piede. La prolungata permanenza a letto di un ammalato è una delle cause più frequenti di piede equino.

Piede torto. Alterazione congenita del piede, che risulta cavo, varo, addotto in vario grado e costantemente equino per la retrazione del tendine di Achille.

Trattamenti indicati

Applicazione di calzature e/o plantari ortopedici; Manipolazione, Mobilizzazione, Ginnastica del piede; nei casi più resistenti si ricorre ai Gessi, Tutori o interventi chirurgici.

Orari d’apertura

Fisiodelta è aperto:
dal lunedì al venerdì
dalle ore 8 alle ore 20
sabato 9-13

Per appuntamenti
chiama il n° 0324 46073

Contatto diretto

Hai un probema o una richiesta da sottoporci?
Scrivici!

Se preferisci,
chiamaci telefonicamente
al numero 0324 46073

Questo sito utilizza i cookie per mostrarti i contenuti più aggiornati e servizi in linea.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai click sul pulsante "Approfondisci".
Premendo su "Ho letto" acconsenti all'uso dei cookie.